Carboidrati della dieta: no all’eliminazione basta la moderazione

Mantenere nella propria dieta i carboidrati con moderazione sembra essere la soluzione ottimale per la salute e la longevità, secondo quanto suggerisce una nuova ricerca pubblicata su Lancet Public Health.

Mantenere nella propria dieta i carboidrati con moderazione sembra essere la soluzione ottimale per la salute e la longevità, secondo quanto suggerisce una nuova ricerca pubblicata su Lancet Public Health. «Diete povere di carboidrati, che limitano questi alimenti in favore di un maggiore apporto di proteine o grassi, o di entrambi, sono una popolare strategia per la perdita di peso. Tuttavia, l’effetto a lungo termine della restrizione dei carboidrati sulla mortalità è controverso e potrebbe variare se il carboidrato è sostituito da grassi a base vegetale o animale o proteine» dice Sara Seidelmann, del Brigham and Women’s Hospital di Boston, primo nome dello studio. I ricercatori hanno voluto studiare l’associazione tra assunzione di carboidrati e mortalità in 15.428 adulti di 45- 64 anni, provenienti da quattro comunità statunitensi, che hanno completato un questionario dietetico all’arruolamento nello studio Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) tra il 1987 e il 1989. Hanno poi combinato i dati ARIC con i dati per l’assunzione di carboidrati segnalati da sette studi prospettici multinazionali in una metanalisi. Infine, hanno valutato se la sostituzione dei carboidrati con fonti animali o vegetali di grassi e proteine avesse diverso effetto sulla mortalità.

Durante un follow-up mediano di 25 anni si sono verificati 6.283 decessi nella coorte ARIC, e 40.181 decessi in tutti gli studi di coorte. Nella coorte ARIC, dopo aggiustamento per più variabili, l’analisi ha mostrato un’associazione con una forma a U tra la quota di calorie derivata da carboidrati nella dieta e la mortalità: una percentuale del 50-55% delle calorie proveniente da carboidrati è associata al più basso rischio di mortalità. Nella metanalisi di tutte le coorti sia un basso che un alto consumo di carboidrati ha comportato un rischio maggiore di morte rispetto a un consumo moderato, coerentemente con un’associazione a U. Tuttavia, i risultati variavano in base alla fonte dei macronutrienti sostitutivi. Infatti, la mortalità aumentava quando i carboidrati venivano sostituiti con grassi o proteine di origine animale, come agnello, manzo, maiale e pollo, e diminuiva quando le sostituzioni erano a base vegetale, come verdure, noci, burro di arachidi.

fonte:

Lancet Public Health. 2018. doi: 10.1016/S2468-2667(18)30135-X

FAND Milano

L'associazione diabetici che è sempre al tuo fianco...

Le Ultime Notizie

Gli Ultimi Eventi

Seguici su Facebook

Carica altri ...

Iscriviti alla Newsletter

Non perdere nessuna notizia, riceverai tutti gli aggiornamenti nella tua casella

Condividi con un amico