Covid-19, sviluppo improvviso di diabete dopo aver contratto il virus. In aumento le segnalazioni

Il Covid-19 sta scatenando casi di diabete?

Tra tutte le manifestazioni e le complicazioni del Covid-19, sta emergendo un’altra domanda sconcertante: il virus sta scatenando casi di diabete? Come molti medici in tutto il mondo, Mihail Zilbermint, endocrinologo e professore associato alla John Hopkins School of Medicine nel Maryland, ha iniziato a notare qualcosa di strano a metà della pandemia. Sempre più persone sembravano improvvisamente sviluppare il diabete. «Il mio team di solito gestisce tra 16 e i 18 persone con diabete al giorno, ma il nostro numero è aumentato fino a 30 al giorno».

Altri casi sono stati segnalati di pazienti che, appena ripresi da gravi casi di Covid-19, avevano sviluppato improvvisamente diabete con necessità di monitoraggio glicemico quotidiano e immediato inizio di terapia con metformina, determinando ovviamente un grande shock psicologico per l’assistito. In precedenza, va sottolineato, la persona non aveva mai avuto prima problemi di iperglicemia. Attualmente nessuno conosce il motivo di questo sviluppo improvviso di diabete post-Covid-19. I medici di tutto il mondo stanno ora condividendo casi simili di diabete a esordio improvviso dopo infezione da Sars-CoV-2, scoprendo che il legame è più forte tra i pazienti che sono stati ricoverati in ospedale con il virus. «Vediamo chiaramente persone senza diabete precedente sviluppare questa condizione», afferma Remi Rabasa-Lhoret, del Montreal Clinical Research Institute. «È altamente probabile che il Covid-19 stia innescando la malattia». Gli studi suggeriscono che fino al 14% dei pazienti con Covid-19 possono sviluppare diabete a esordio improvviso. «Lo abbiamo visto con l’influenza e altre infezioni ma l’entità di ciò che vediamo con il Covid-19 è superiore a quella a cui siamo abituati» sottolinea Rabasa-Lhoret. Le persone con diabete sono già più a rischio di sperimentare gravi esiti se contraggono il Covid-19 e ora il virus potrebbe mettere le persone più a rischio di sviluppare il diabete (una connessione che un articolo sul “New England Journal of Medicine” ha descritto come «una relazione bidirezionale»).
Medici e ricercatori stanno indagando sul perché accada questo fenomeno, ma una ragione specifica non è ancora stata individuata. Tra le varie teorie avanzate è che questo potrebbe essere un effetto collaterale di uno steroide usato per trattare il Covid-19. Zilbermint ha detto che i pazienti che sperimentano complicazioni dovute al Covid-19 ricevono spesso il desametasone. «È la nostra terapia standard per coloro che hanno bassi livelli di ossigeno, e l’effetto collaterale di questo farmaco sono alti livelli di zucchero, o diabete» ha detto. «Quindi è possibile che i farmaci che si usano per trattare il Covid possano anche contribuire ad aumentare il rischio di sviluppare il diabete». Ci sono anche segni che lo stesso nuovo coronavirus possa influenzare il corpo in vari modi che possano portare allo sviluppo del diabete. «Ci sono alcune indicazioni che il Covid-19 possa entrare direttamente nelle betacellule e danneggiarle» ha affermato Rabasa-Lhoret. Zilbermint ha aggiunto che il virus può essere in grado di cambiare il modo in cui le cellule metabolizzano lo stesso glucosio. L’insorgenza acuta del diabete è stata segnalata con maggiore frequenza anche tra i pazienti con SARS dieci anni fa, ha detto, «rispetto a quelli senza polmonite da SARS, un dato che penso sia importante menzionare». Un’altra ipotesi è che forse l’infezione aiuta le persone che sono a rischio di sviluppare il diabete a una diagnosi precoce. «È possibile che un paziente viva con il pre-diabete per molti anni e non lo sappia» ha detto Zilbermint. «Quando ha un’infezione da COVID-19 l’infezione lo spinge verso lo sviluppo del diabete». Alcuni medici si chiedono se non si tratti del tutto di una nuova forma di diabete. Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario dei pazienti distrugge le cellule beta che producono insulina. Tuttavia, i pazienti Covid-19 che sviluppano il diabete possono anche mostrare la resistenza all’insulina che si trova nel diabete di tipo 2. Alcuni medici ritengono che il diabete a esordio improvviso dopo un’infezione da Covid-19 possa essere una condizione nuova che presenta aspetti sia del diabete di tipo 1 sia del tipo 2.

«La domanda principale è: sarà una condizione transitoria o permanente?» ha detto Rabasa-Lhoret. «E a breve termine, non lo sappiamo». Sono le domande che perseguitano sia i pazienti divenuti diabetici post-Covid-19 sia i medici che li hanno in cura. Ma si sta facendo del lavoro per capire cosa sta succedendo e come trattare al meglio i pazienti. «Diversi specialisti di endocrinologia ed esperti di diabete in tutto il mondo stanno esaminando questo aspetto» ha detto Zilbermint. «Per esempio, i miei colleghi del King’s College di Londra e del Regno Unito hanno già creato un solido database in cui tutti i ricercatori e i clinici possono inviare le informazioni sui loro pazienti in un registro globale. Questo nuovo database generale cercherà di raccogliere tutti i casi nel tentativo di capire se l’infezione da coronavirus ha davvero questo altro effetto collaterale negativo. Sono sicuro che nei prossimi mesi vedremo altri studi di ricerca uscire da questo registro» ha concluso Zilbermint.

fonte: Doctor33

fonte:

Doctor33

FAND Milano

L'associazione diabetici che è sempre al tuo fianco...

Le Ultime Notizie

Gli Ultimi Eventi

Seguici su Facebook

This message is only visible to admins:
Unable to display Facebook posts

Error: Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.
Type: OAuthException
Code: 190
Subcode: 460
Click here to Troubleshoot.

Iscriviti alla Newsletter

Non perdere nessuna notizia, riceverai tutti gli aggiornamenti nella tua casella

Condividi con un amico