Diabete tipo 2, minor rischio di complicanze per chi va in bicicletta

Andare in bicicletta potrebbe allungare la vita alle persone con diabete di tipo 2.

Andare in bicicletta potrebbe allungare la vita alle persone con diabete di tipo 2. L’indicazione viene da uno studio su più di 7mila adulti con diabete in 10 paesi Occidentali seguiti per 15 anni. Chi utilizza regolarmente la bicicletta ha un rischio minore di mortalità per tutte le cause e per cause cardiovascolari, anche dopo correzione statistica per sesso, età livello di istruzione, abitudini alimentari, comorbidità e livello di attività fisica. Il dato emerge da uno studio pubblicato online su JAMA Internal Medicine. Gli effetti salutari dell’uso regolare della bicicletta sono in linea con quelli rilevati in altri studi sulla popolazione sana.

Per la popolazione diabetica, come riconoscono gli autori, l’uso della bicicletta potrebbe avere dei limiti pratici. Rita F. Redberg del Centro ricerche sull’attività fisica del Rigshospitalet di Copenhagen (Danimarca) ammette:

il ciclismo richiede forma fisica, un buon senso dell’equilibrio e i mezzi per acquistare una bicicletta. Comprendiamo anche che per utilizzare regolarmente la bicicletta bisogna vivere in un’area in cui è ragionevolmente sicuro utilizzarla. In ogni caso è importante condividere anche questa evidenza sui potenziali benefici per la salute della bicicletta.”

Rischio di morte inferiore del 24% per i diabetici che usano la bicicletta

Lo studio prospettico di coorte ha incluso 7.459 adulti con diabete della European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition. Tutti sono stati valutati durante il periodo 1992-1998 e di nuovo nel 1996-2011, con un follow-up medio di circa 15 anni. Durante quel periodo, ci sono stati 1.673 decessi per tutte le cause, con 811 attribuiti a cause cardiovascolari. Chi ha riferito di utilizzare regolarmente la bicicletta ha avuto un rischio di morte per qualsiasi causa inferiore del 24% rispetto a chi non andava in bici, dopo l’aggiustamento per i fattori confondenti e per altre attività fisiche

La maggiore riduzione del rischio è stata osservata in coloro che hanno riferito di andare in bicicletta tra 150-299 minuti a settimana, in particolare nella mortalità per malattie cardiovascolari. In una sottoanalisi di 5.423 individui con 10,7 anni di follow-up, ci sono stati 975 decessi per tutte le cause e 429 per malattie CVD. Gli individui che hanno iniziato o continuato ad andare in bicicletta durante il follow-up hanno circa il 35% di mortalità  per tutte le cause e di mortalità cardiovascolare, rispetto a quelli che non hanno mai pedalato.

Redberg e colleghi ricordano che l’uso della bicicletta per andare al lavoro e per altri spostamenti a ridurre gli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute dei gas di scarico delle automobili.

Fonte: medicopaziente.it

 

 

 

FAND Milano

L'associazione diabetici che è sempre al tuo fianco...

Le Ultime Notizie

Gli Ultimi Eventi

Seguici su Facebook

This message is only visible to admins:
Unable to display Facebook posts

Error: (#12) description field is deprecated for versions v3.3 and higher
Type: OAuthException
Code: 12
Click here to Troubleshoot.

Iscriviti alla Newsletter

Non perdere nessuna notizia, riceverai tutti gli aggiornamenti nella tua casella

Condividi con un amico