Diabete, un intervento comportamentale può migliorare l’attività fisica nei pazienti

Da uno studio risulta che le persone con diabete di tipo 2 trattate con un intervento comportamentale hanno mostrato un aumento dell'attività fisica e una diminuzione del tempo trascorso in maniera sedentaria.

Uno studio guidato dall’Università Sapienza di Roma ha concluso che le persone con diabete di tipo 2 trattate con un intervento comportamentale hanno mostrato un aumento dell’attività fisica e una diminuzione del tempo trascorso in maniera sedentaria, rispetto a coloro che hanno ricevuto cure standard, e che questo effetto è durato per almeno tre anni.

Gli autori dello studio, diretto da Giuseppe Pugliese e pubblicato su JAMA, hanno anche riscontrato che lo stato di allenamento cardiorespiratorio e la resistenza della parte inferiore del corpo sono migliorati significativamente nel gruppo di intervento comportamentale, mentre tutte le misure di allenamento sono peggiorate nel gruppo di cure standard.

«L’aderenza all’attività fisica e alle raccomandazioni sull’esercizio è generalmente difficile da ottenere, e fino ad ora non sono state fornite prove definitive che i cambiamenti nell’attività fisica o nel comportamento sedentario possano essere mantenuti nel lungo periodo nelle persone con diabete di tipo 2. Abbiamo voluto fare chiarezza su questa situazione» spiegano i ricercatori. Il gruppo di lavoro ha randomizzato 300 uomini e donne con età media pari a 61,6 anni e diabete di tipo 2, non attivi dal punto di vista fisico e seguiti in tre ambulatori per il diabete a Roma, a ricevere un intervento comportamentale o cure standard per tre anni. Tutti i partecipanti sono stati quindi gestiti con cure ordinarie mirate a soddisfare le raccomandazioni delle linee guida dell’American Diabetes Association, ma coloro che erano nel gruppo di intervento comportamentale hanno ricevuto anche una sessione individuale di consulenza teorica e otto sessioni di consulenza teorica e pratica ogni anno.

Durante lo studio, i pazienti hanno seguito terapie simili e non sono state osservate differenze nella dose di insulina. Dei partecipanti iniziali, 267 hanno completato lo studio (133 nel gruppo di intervento e 134 nel gruppo di terapia standard).

Ebbene, nel corso di un follow-up medio di tre anni i partecipanti trattati con l’intervento comportamentale hanno accumulato 18,9 minuti al giorno di attività fisica da moderata a intensa rispetto a 12,5 minuti per il gruppo con gestione ordinaria, 4,6 ore al giorno di attività fisica ad intensità leggera rispetto a 3,8, e 10,9 ore al giorno di tempo sedentario rispetto a 11,7. L’analisi dei dati ha mostrato la significatività statistica di tutte queste variazioni, che si è mantenuta per tutto lo studio, anche se la differenza tra i gruppi per quanto riguarda l’attività fisica da moderata a vigorosa è diminuita durante il terzo anno da 6,5 a 3,6 minuti al giorno. Ma non solo, anche il glucosio plasmatico a digiuno, la pressione arteriosa sistolica, il punteggio di rischio per malattia coronarica e malattia coronarica fatale a 10 anni sono stati differenti in maniera significativa tra i due tipi di trattamento.

Per quanto riguarda gli eventi avversi, ne sono stati riferiti 41 nel gruppo di intervento comportamentale al di fuori delle sessioni di terapia e 59 nel gruppo di terapia standard. I partecipanti al gruppo di intervento hanno registrato inoltre otto episodi di lieve ipoglicemia, tre episodi di tachicardia o aritmia e 19 episodi di lesioni o disagio muscoloscheletrico durante le sessioni di consulenza teorica e pratica.

Secondo gli autori dello studio saranno necessarie però ulteriori ricerche per valutare se questi risultati possano essere generalizzabili anche a pazienti in un ambientazione diversa da quella di Roma.

JAMA. 2019. doi: 10.1001/jama.2019.0922
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30835309

Fonte: Doctor33

fonte:

DOCTOR33

FAND Milano

L'associazione diabetici che è sempre al tuo fianco...

Le Ultime Notizie

Gli Ultimi Eventi

Seguici su Facebook

Carica altri ...

Iscriviti alla Newsletter

Non perdere nessuna notizia, riceverai tutti gli aggiornamenti nella tua casella

Condividi con un amico